Studio Legale
Avvocato Giovanni Franchi

Borgo Giacomo Tommasini, 20
43100 - Parma

Tel: 0521 235024 / 228238
Fax: 0521 223116

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

COME DIFENDO GLI IMPRENDITORI

Stretta creditizia, inasprimento delle condizioni di concessioni del credito, cresciuta incidenza degli oneri bancari e quelle vere e proprie pietre al collo -o meglio, al bilancio aziendale- costituite dai cosiddetti contratti di Interest Trade Swap, anche detti derivati:queste le cause più comuni dell’appesantirsi dei bilanci aziendali. A volte della condanna della sopravvivenza stessa delle aziende, specie se medio piccole.

La sensazione diffusa, negli imprenditori -come nei privati- nei confronti di questo fenomeno è un senso di inevitabilità e impotenza ma così non è.

Alcuni esempi: sono ormai centinaia le cause vinte in tutta Italia, non solo da me, ma da bravi colleghi contro gli Interest Trade Swap -contratti proposti alle imprese come sorta di assicurazione contro l’aumentare dei tassi e che, quando questi, viceversa, sono diminuiti, hanno determinato un incremento esponenziale dell’onerosità del prodotto finanziario. Una sentenza della Corte d’appello di Milano –N. 3459 del 18 settembre 2013- ha definito uno Swap, annullandolo, “scommessa legalmente autorizzata”.

Quanto ai mutui, la sentenza di Cassazione 350 /2013 stabilisce che se nel contratto di mutuo, come negli altri contratti nei quali è previsto il pagamento di interessi (apertura di credito, leasing e così via) la Banca ha praticato, anche senza esserne al corrente, usura superando il tasso massimo consentito, SI ANNULLA LA CLAUSOLA CHE VINCOLA AL PAGAMENTO DEGLI INTERESSI, con l’effetto che chi ha sottoscritto il mutuo è tenuto a rimborsare solamente il capitale e ha diritto alla restituzione degli interessi pagati.

In ambito di oneri bancari, le statistiche degli analisti che ne riesaminano i rendiconti, sono concordemente impressionanti nel definire la frequenza con cui usura e anatocismo sono praticate dagli Istituti di credito su conti correnti, mutui, leasing.

Una sana prassi di gestione finanziaria è, pertanto, la verifica della documentazione relativa a quanto e cosa si paga per la propria esposizione finanziaria ma desideravo che questa fosse in linea con l’esigenza di individuare ulteriori elementi utili al contrasto delle anomalie e dell'incisività delle contromisure da adottare nei confronti delle banche in caso di presenza di usura e altre anomalie.Mi sono adoperato per diverso tempo per individuare la corretta metodologia per la verifica della legalità degli oneri bancari ed ora il mio Studio e quelli associati la può proporre, grazie ad una partnership con SB ETICA - società specializzata non solo nel contrasto delle anomalie bancarie, ma in una serie di strumenti chiave per salvare e rilanciare le piccole medie e grandi imprese, tra cui l’attrazione di fondi ministeriali, privati, europei, l’individuazione di nuove commesse anche estere e soluzione per il rientro dei crediti di difficile esigibilità.

Sottoponeteci i vostri rapporti finanziari per una verifica: quella del rapporto più oneroso o su cui nutrite maggiori dubbi sarà gratuita e le successive avranno costi trasparenti e calmierati, Per maggiori informazioni, contattate il nostro Studio di Parma per un appuntamento e, se avete domande urgenti da pormi, scrivetemi tramite il blog in home page.

Back to top
Quanto pubblicato su questo sito è puramente informativo delle attività dello Studio Legale, della sua organizzazione e degli avvocati e collaboratori che lo compongono, ai sensi e nel rispetto degli articoli 17 e 17 bis del Codice Deontologico Forense.